AMICI della MONTAGNA SARDA A.S. di P.S. - Monteleone Rocca Doria

Eventi 2015-2016

Roccadoria 2015 - L'acqua e la roccia - Outodoor Meeting

Trekking a monte Tundu

maggio 4th, 2015 | R12-Studi0 | Tags:

Trekking “aereo” di media difficoltà con possibilità di pranzo in ovile.

Per informazioni e prenotazioni Roberto 3478627563 – Italo 3336134750

 

Sentiero avventura
BOLADINA-FERRATA di GOLORITZE’
Sebastiano Cappai
Il 1 aprile 2015 verrà ricordato non come “sa die de sas brullas”, ma come il giorno in cui a Baunei è risorto S’Iscalone de Boladina: erano ben 100 anni che mancava all’appello.
Questa importante opera di ingegneria pastorale permetteva un comodo transito a uomini ed animali sino ai primi del ‘900, dalle regioni di Cuccuru Albu , Piredda, Serra Maore, Serra ‘e Lattone si scendeva sino a Goloritzè, dove era possibile reperire la preziosa acqua: dopo la sua distruzione causata da una rovinosa frana, solo gli abili pastori alpinisti vi arrampicavano facendo molta attenzione alla discarica di pietrame che rotolava verso valle.
In tempi moderni i numerosi ripetitori del sentiero costiero denominato “Selvaggio Blu”, vi hanno arrampicato correndo anch’essi dei rischi collegati non alla difficoltà tecnica, scarsa trattandosi di IV° UIAA , ma alla costante caduta di massi.
( Il primo giorno di lavoro il panorama è scoraggiante!!!)
(S’Ungrone de Boladina)
Si è finalmente concretizzato il progetto di ristrutturazione. Ottenute le necessarie autorizzazioni da parte del Comune di Baunei e del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, gli amici e le Guide di Baunei hanno creato un solido e competente gruppo di lavoro che ha unito gente di “Cap’e Susu e Cap’e Josso” con trasferimenti che hanno superato i 400 Km in giornata.
Tale gruppo infatti comprendeva, oltre al sottoscritto da Borore, Gianni Cannas da Terralba, Sergio Soro da Capoterra, Matteo Cara da Nuoro, Roberto Ciabattini e Italo Chessa da Sassari, Mario Calaresu ed Enzo Battaglia da Oliena, e naturalmente i padroni di casa, Giampietro Carta: Trekking Margine, Salvatore Piras: Salinas Escursioni e Sandro Murru: Explorando Supramonte-Grotta del Fico.
Sebbene manchino ancora alcune rifiniture, l’opera è compiuta.
.
Movimentazione tronchi sulle pietraie
Grandi manovre a Boladina.
Tra i tanti possibili collegamenti che S’Iscalone consente, uno in particolare risulta molto accattivante: permette infatti di realizzare un bellissimo anello che include la ferrata di Goloritzè.
Quest’ultima opera, realizzata nell’estate del 2014 dalla Cooperativa di Baunei della grotta del Fico, ( con la collaborazione di Marcello Cominetti, guida alpina con la cittadinanza Baunese ed il supporto della ditta “Scarpa” per la fornitura dei materiali), è nata per eseguire una variante del “Selvaggio Blu” tra Goloritzè e Ispuligidenie che permetta di non staccare mai lo sguardo dal mare.
La spettacolare ferrata, posta su uno spigolo verticale di circa 30 metri permette di risalire al bosco denominato “Culu ‘e Saltu” (inteso come il luogo più remoto del salto di Ispuligidenie) con il solo uso di un imbrago munito di dissipatore, ma le difficoltà maggiori si celano nel percorso di avvicinamento, il problematico ledere di Goloritzè.
Già nel lontano 2001, la realizzazione dell’ultima tappa del “Trek delle 7Cale” mi aveva portato al confronto con uno dei territori più ostici di tutto il Supramonte, i precipiti canaloni di sabbioni misti a ghiaia che costituiscono l’entroterra che circonda le tre cale di Goloritzè.
Ho dovuto spesso scavare per ottenere delle labili tracce dove posizionare una parte della suola degli scarponi, ed infatti le ripetizioni di questa tappa si contano sulle dite di due mani poiché molti passaggi risultavano impossibili da proteggere.
Il lavoro realizzato di recente dalla Cooperativa della grotta del Fico ha migliorato sensibilmente l’avvicinamento grazie al posizionamento di diverse corde fisse, ma il percorso rimane comunque altamente selettivo ed è riservato a chi ha già sperimentato gli equilibrismi sulle esili tracce de Su Ledere.
Avvicinamento:
Dall’abitato di Baunei si risale a Planu Supramonte, raggiunto l’altopiano di Golgo, si prosegue sino alla deviazione per Ispuligidenie, si arriva sino all’insediamento pastorale di Ferir d’Abba con un’auto normale e si prosegue sino alla sella di S’Arcu‘e Piredda, qt.425, a piedi o con un fuoristrada.
Da qui, in vista della Serra‘e Lattone e dell’evidente vallone di Bacu Mudaloru, si prosegue a dx lungo l’antica carrareccia, a tratti ancora percorribile con un piccolo fuoristrada e si sale sino alla sella di S’Arcu‘e Su Tasaru, da dove si può ammirare verso sud il sottostante Bacu Boladina che confluisce in Bacu Goloritzè.
Percorso:
Si discende l’evidente canalone di Bacu Boladina, restando spesso sul greto, dove transitava una antica mulattiera, si giunge presto dove la gola si restringe e oppone le prime difficoltà.
Un primo muro di roccia verticale si supera con l’ausilio di un tronco di Ginepro scalinato con l’intaglio di alcuni gradini.
Si accede quindi nel ripido colatoio ove, nonostante la ciclopica operazione di disgaggio del pietrame, è ancora possibile che qualche sasso rotoli verso valle, pertanto è indispensabile l’uso del casco.
Il ripido colatoio termina bruscamente sul ciglio di un salto di circa 15 metri dove è stato realizzato S’Iscalone in Ginepro; il percorso in discesa potrebbe creare qualche problematica a chi non è avvezzo a tali passaggi e potrebbe essere d’aiuto l’uso di imbrago e longe oppure uno spezzone di corda.
Si prosegue oltre sino alla confluenza tra Bacu Boladina e Bacu Goloritzè; procedendo brevemente verso valle si incontra presto un bivio a sx, da questo punto il percorso principale prevede il raggiungimento della splendida Cala Goloritzè, ma da qui è possibile anche l’avvicinamento alla ferrata tagliando sul fianco sx del Bacu, evitando così di discendere sino al livello del mare: questa variante è comunque riservata a chi sa districarsi su un percorso non segnato ed a tratti semichiuso dalla vegetazione.
Percorso principale: Raggiunta la splendida insenatura si traversa verso nord lungo la traccia che porta sotto la placca verticale di calcare da cui è scivolata l’immensa frana che ha dato origine all’arenile principale.
Si risale la placca in verticale tralasciando il percorso a dx ove alcuni ferri infissi agevolano il transito verso la seconda cala di Goloritzè
Bisogna invece individuare verso l’alto un annoso leccio sormontato da un grosso sasso di bianco calcare, è questo il punto da cui si snoda l’imperdibile traccia che sale tagliando il bosco pensile sin sotto la parete (nel bosco si trova anche una deviazione a dx che porta anch’essa in su Ledere, ma è un tratto del Trek delle 7 cale che presenta difficoltà superiori).
Giunti nella pietraia posta sotto gli alti contrafforti di Serra Lattone, si traversa verso nord sino alle prime corde fisse, si iniziano quindi a superare i numerosi canaloni precipiti, in cui non bisogna assolutamente smarrire la traccia principale che conduce allo sperone roccioso su cui si sviluppa la ferrata.
Veduta da Punta Salinas
Inizio del tratto verticale della ferrata
Variante alta: Dalla confluenza con Bacu Goloritzè scesi poco a valle si devia a sx su un’antica mulattiera che taglia il ripido costone sulla curva di livello; ad un successivo bivio si scende leggermente tenendo la dx, oltre la mulattiera si chiude, bisogna aggirare la piccola parete che ci sovrasta; si risale decisamente con percorso quasi verticale tagliando un fitto bosco e risalendo la grossa pietraia che porta in cima alla grande frana di Goloritzè.
Superata la frana si taglia sotto le pareti verso nord per giungere alle corde fisse da cui si procede sino alla ferrata.
La Ferrata:
Il percorso sulla ferrata offre delle spettacolari vedute sulle cale di Goloritzè, inizia con un tratto orizzontale in cui è stato inserito un bel tronco di Ginepro, che porta sino allo spigolo ove si sviluppa il tratto verticale attrezzato con cavi d’acciaio.
Tratto verticale della ferrata
Percorsa la ferrata il pensiero è volato ai racconti del progetto degli Usai Chercios, famiglia di pastori Baunesi, che avevano pensato di realizzare un’Iscalone per far salire le capre al bosco sovrastante, un opera dalle difficoltà enormi anche solo a determinare di realizzarla con i mezzi moderni, inoltre questo ambizioso progetto stava per innescare una faida con la famiglia dei Moro Abiolos che pascolavano il loro gregge nel bosco di Ispuligidenie.
La lite venne risolta, come spesso accade, con un matrimonio combinato ma l’opera non vide mai la luce: io ho provato ad immaginarla….“pazzesca”.
S’Iscalone di Masas D’Orgittala realizzato dagli Usai Chercios
L’entusiasmante percorso sullo spigolo porta in breve al bosco di Culu ‘e Saltu a quota 100 slm, si risale costeggiando la parete giungendo in breve a qt. 150 dove a sx da un robusto Ginepro è stato predisposto il salto del Trek delle 7 Cale, si procede invece verso dx in leggera salita sino ad una carbonaia.
Da questo punto si diparte verso dx la mulattiera che il Trek delle 7 Cale utilizza per tagliare verso nord tutto il bosco di Culu ‘e Saltu sino ad intersecare l’evidente sentiero turistico, recentemente ristrutturato, che risale ripido da Cala Mariolu sino alle creste di Serra ‘e Lattone poste a quasi 600 metri di quota.
La splendida cala di Ispuligidenie nota come Cala Mariolu
Superato lo spettacolare Iscalone di Ipuligidenie posto sotto l’arco di roccia si giunge alle creste sommitali e deviando verso sx si discende raggiungendo gli antichi ovili di S’Arcu ‘e Su Tasaru, qt. 525, si scende quindi all’omonima sella per riprendere a dx la carrareccia che conduce a S’Arcu ‘e Piredda luogo in cui si conclude il percorso ad anello.
N.B. l’anello comporta il superamento di almeno 800 metri di dislivello.
Buon divertimento.
S’Iscalone de Ispuligidenie